15 - 17 FEBRUARY
FeaturingFerrari Challenge - Europe
Address
Phone
Ferrari Challenge Europe – A Silverstone vincono Hladik, Nussbaumer, Grossmann e Froggatt

Ferrari Challenge Europe – A Silverstone vincono Hladik, Nussbaumer, Grossmann e Froggatt

28 aprile 2018

Silverstone, 28 Aprile 2018 – Vladimir Hladik, Alexander Nussbaumer, Bjorn Grossmann e Chris Froggatt, tutti su 488 Challenge, hanno vinto le gare della prima giornata del Ferrari Challenge Europe a Silverstone, sede del secondo appuntamento della stagione 2018.

 

Coppa Shell. La gara inaugurale di giornata è stata quella della Coppa Shell che, a causa della pista inzuppata d’acqua, è partita dietro la Safety Car. Una precauzione necessaria come ha dimostrato il poleman Jean-Claude Saada che, con le gomme fredde, è finito in testacoda con la 488 Challenge del team Rossocorsa vanificando così il grande lavoro fatto in mattinata. A raccogliere la prima piazza è stato dunque Vladimir Hladik, grande esperto del bagnato. Il pilota del team Baron Service appena la vettura di sicurezza è rientrata al box ha imposto il proprio ritmo forsennato avvantaggiandosi su Manuela Gostner (Ineco-MP Racing) che guidava un trenino composto anche da Fons Scheltema (Kessel Racing) e Christophe Hurni (Team Zenith Sion-Lausanne). Le leadership di Hladik non è mai sembrata in pericolo, nemmeno quando, in lotta tra loro per le posizioni del podio, i tre dietro hanno girato sulla pista di Silverstone con un ritmo più serrato di quello del ceco. La dimostrazione di come Hladik stesse gestendo la si è avuta nell’ultimo giro quando, nonostante il doppiaggio di Agata Smolka, il leader della corsa ha piazzato il giro più veloce in 2’25”829. La lotta per il podio si è risolta all’ultimo giro quando l’esperto Scheltema, alla gara numero 196 nel Ferrari Challenge, ha sfruttato il doppiaggio di Smolka per superare Manuela Gostner. La ragazza italiana è comunque riuscita a salvare il terzo posto dagli attacchi di Hurni conquistando così il primo meritatissimo podio della carriera.

 

Shell Am. Molto più lineare la corsa della classe Coppa Shell Am, nella quale Alexander Nussbaumer, dopo avere ottenuto la prima pole position della carriera con la 488 Challenge di Formula Racing, è riuscito a mantenere la testa ottenendo anche il giro più veloce. Dietro di lui sul podio si sono piazzati Ingvar Mattsson, già vincitore in Gara-1 al Mugello con la vettura di Scuderia Autoropa, e Giuseppe Ramelli con la 488 Challenge di Rossocorsa-Pellin Racing.

 

Trofeo Pirelli. Nella seconda parte del pomeriggio è stata la volta del Trofeo Pirelli. Anche questa gara è partita dietro alla Safety Car con Bjorn Grossmann e Nicklas Nielsen che, come al Mugello, si sono facilmente avvantaggiati sul resto del gruppo. Solo che questa volta a comandare dall’inizio alla fine è stato il tedesco di Octane 126 che ha preceduto il danese di Formula Racing, anche se quest’ultimo è stato autore del giro veloce in un ultimo tentativo di superare il rivale. Il terzo posto è andato a Enzo Potolicchio (Rossocorsa), al 15° podio di carriera nel Ferrari Challenge.

 

Pirelli Am. Lotta tutta britannica nel trofeo Pirelli Am con il leader di campionato Chris Froggatt che al via è riuscito a superare il connazionale e compagno di squadra in Ferrari GB, Jack Brown, riuscendo poi a tenere la prima posizione fino alla termine della competizione. Il terzo posto è andato a Martin Nelson (Scuderia Autoropa) che ha preceduto un altro pilota di casa: John Sawbridge. Domani si replica alle 13.20 e alle 15.50 locali (14.20 e 16.50 CET).